Le scuole di volo

16 Calderara poster

Negli anni immediatamente precedenti la Prima guerra mondiale, i campi di Mirafiori, Venaria Reale e San Francesco al Campo (in prossimità del quale nascerà poi l’attuale aeroporto di Caselle) divennero sede di scuole per il pilotaggio di aerei.
I primi brevetti al mondo vennero rilasciati dall’Aero Club di Francia a partire dal 7 gennaio 1909 (per la cronaca il brevetto n. 1 fu di Louis Blériot, mentre Wilbur e Orville Wright ebbero solo i brevetti numero 14 e 15 del 7 novembre 1909).
Il primo brevetto civile in Italia fu conseguito nel settembre del 1909 dal veronese tenente pilota Mario Calderara che aveva appreso i principî del volo nell’aprile del 1909 a Roma sull’aeroporto di Centocelle sul Flyer 4 dei fratelli Wright. Il brevetto gli fu rilasciato dalla Commissione brevetti francese che era venuta ad assistere alle gare del Circuito aereo di Montichiari (Brescia) dove CALDERARA conquistò due importanti trofei (il “Premio Oldofredi” e la “Coppa del Re”).
Il documento reca la data di alcuni mesi dopo (10 maggio 1910).
17 Scuola Miller

18 San Maurizio Scuola dAviaz

Dal settembre 1909 sino al 18 agosto 1910 non vennero più rilasciati brevetti in Italia in quanto non erano obbligatori per volare e di conseguenza non vi era particolare interesse al loro conseguimento. Chi voleva il brevetto andava in Francia come fecero numerosi piloti italiani tra cui Francesco BARACCA e Francesco BRACH PAPA.
La Società di Aviazione Torino iniziò i propri corsi teorici in via Balbis 1 il 14 febbraio 1910 dove aveva sede una sezione speciale della scuola per meccanici e conduttori di automobili “riconosciuta dal governo”.
I corsi (della durata di circa due mesi) furono illustrati con oltre 500 proiezioni luminose”.
Direttore dei corsi era l’ingegner Emilio MARENCO, conferenzieri i professori ingegneri Effren MAGRINI e Franz MILLER, il capitano ingegner Carlo VITA VINZI, l’ingegner Francesco DARBESIO della società Asteria e l’ingegner TRIACA della SIT. Presidente onorario della scuola era il sindaco senatore Secondo FROLA.
Anche l’ingegner Miller, fondatore nel 1909 della prima industria aeronautica italiana, era alla ricerca di un campo ove sperimentare i propri velivoli, prodotti in via Legnano a Torino, ed individuò nel comune di Lombardore il luogo adatto al suo scopo.
Il campo era situato nella zona pianeggiante che costeggiava quello che fino a poco tempo fa era il poligono di tiro militare di Lombardore e Miller vi installò la propria scuola. Correva l’anno 1910.

19 asteria scuola


Nel maggio del 1910 MONTU' e GATTI GORIA tentarono di aprire la prima scuola di pilotaggio a Torino in piazza d’armi (dove due anni prima aveva volato Delagrange) che però venne chiusa dopo una settimana a seguito di un incidente nel quale rimase ferito l’unico istruttore Pietro Gasco e non brevettò quindi alcun allievo.
Nell’autunno del 1911 Antonio CHIRIBIRI (già progettista della Miller) fondò sul campo di Mirafiori la Scuola nazionale per aviatori.
Maurizio RAMASSOTTO con l’aereo “Chiribiri 2”, fu il primo a brevettarsi in questa scuola il 14 ottobre 1911 per poi diventarne istruttore.
Sempre nel 1911 anche l’Asteria aprì una scuola di volo sul campo di Mirafiori “su biplani e monoplani” con “maestro pilota di 1° ordine” come recitava la locandina pubblicitaria.
L’aeroporto di Mirafiori divenne anche base operativa della scuola della neo costituita “Società Aviatori ed Aeronauti di Torino” che sfornò in tutto il 1912 sette piloti civili ed uno militare.
Anche la sit insediò sul campo di Mirafiori una propria scuola che nel 1915, al momento della discesa in campo dell’Italia nella Prima guerra mondiale, era una delle maggiori in Italia con 45 allievi piloti.
Nel 1911 le autorità militari si convinsero della necessità dell’impiego militare degli aerei per cui vennero aperte varie scuole in tutta Italia sugli aeroporti già in funzione quali Mirafiori, Cameri (che divenne poi la più grande d’Italia), Centocelle, Pordenone, Bovolenta, Taliedo ed altri. Il brevetto militare n. 1 venne rilasciato al Capitano Carlo Maria PIAZZA di Busto Arsizio.
La scuola militare di Mirafiori assumerà particolare importanza con l’insediamento sull’aeroporto del primo Battaglione Aviatori (come riportato in seguito) che era un reparto autonomo dell’arma del Genio Militare nel quale confluirono ufficiali della Cavalleria e della Regia Marina.

20 Mirafiori 1911



2018 © Aero Club Torino - Tutti i diritti riservati - CF: 01395280017 - Credits

Privacy Policy Cookie Policy